CODICE DELLA STRADA: 8 MOTIVI CHE POSSONO ANNULLARE LA MULTA

Eccola lì.

La busta verde che ogni guidatore teme di ricevere: sanzione per violazione al Codice della Strada.

Noooo. La multa noooo.

E invece.

Ma sei sicuro che questa debba essere pagata?

Ecco alcuni  dettagli ai quali stare attenti per verificare se la multa  possa essere considerata nulla:

#  corrette generalità del conducente/proprietario

# presenza della data e ora in cui è avvenuta l’infrazione

# corretta indicazione della targa e della tipologia del veicolo (auto, modo, autocarro…)

# indicazione della modalità e dell’esposizione dei fatti in cui è avvenuta la violazione

# corretta normativa violata

# presenza delle modalità di ricorso

# presenza della notifica e firma (anche digitale) del messo notificatore e dell’accertatore

Attenzione: non è detto che un solo errore possa comportare la diretta annullabilità della multa, ad esempio se la data di nascita risulta sbagliata ma vi son altri dati che permettono di riconoscere in modo preciso il proprietario (nome, cognome e codice fiscale), dimostrare l’annullabilità della sanzione non sarà cosi immediata.

I casi più comuni sono i seguenti:

1. MULTA IN UN LUOGO IN CUI NON SI E’ MAI STATI

In questi casi il metodo più semplice è ricorrere in autotutela, presentare una richiesta all’Ente emanante e dichiarare di non trovarsi in quel particolare luogo.

Andranno portati elementi a proprio favore ovvero documenti attestanti che la propria auto si trovava in altro luogo o non avrebbe potuto trovarsi nel luogo della sanzione (estratti Telepass, documenti dimostranti che l’auto era parcheggiata nei pressi del luogo di lavoro, dichiarazioni di residenza in altra città, documenti di viaggio ecc…)

2. COLORE DEL VEICOLO SBAGLIATO

Non è motivo di annullamento, vi sono altri elementi più specifici per ricondurre la proprietà dell’auto al soggetto e inoltre i colori sono molto soggettivi, ogni casa automobilistica ha i propri e pertanto non è un elemento preciso.

3. MANCANZA DELL’IMPORTO DA PAGARE

E’ un grave vizio di forma e pertanto la sanzione può essere annullata.

4. DATA DELLA VIOLAZIONE SBAGLIATA

E’ un vizio di forma che non permette di definire correttamente la modalità della violazione pertanto è possibile chiedere l’annullamento.

5. IL VERBALE NON CONTIENE LA FOTO DELLA VIOLAZIONE

Per legge non è possibile spedire la foto ma questa è visionabile su richiesta dell’interessato presso l’organo competente.

7. LA MULTA E’ ARRIVATA DOPO 90 GIORNI DALL’ACCERTAMENTO

Se tra la data dell’accertamento ( e non dell’ infrazione) e quella della notifica sono passati più di 90 giorni, la sanzione è nulla.

I giorni divengono 150 se si è residenti all’estero.

8. GLI APPARECCHI PER LE RILEVAZIONI NON SONO GESTITI DALLA POLIZIA LOCALE

Se dal verbale risulta che gli apparecchi sono gestiti da società private e non direttamente dalla Polizia Locale, la multa viene considerata nulla.

Ora sai come difenderti da solo.

 

Non ha voglia o tempo? Scrivimi e creerò la lettera su misura per te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *